Camere

Il b&b La Casa dei Carrai mette a disposizione dei propri ospiti cinque camere dotate di tutti i servizi più importanti. La casa dispone di spazi dedicati ai fumatori, la possibilità di rientrare a qualunque orario, parcheggio auto, uso cucina e un bel giardino.

Room features


CAMERA CLARA

Matrimoniale

Clara è la più piccola, ma luminosa, ben organizzata, con vista sul parco e connessione Wi-Fi gratuita. La camera ha un bagno privato con asciugacapelli e riscaldamento autonomo.

DA

€ 72.00 a notte


Room features


CAMERA DELIA

Matrimoniale

La camera di Delia è composta da letto matrimoniale con vista sul giardino privato della casa. Dotata di bagno privato con box doccia e phon, connessione internet Wi-Fi gratuita, cassetta di sicurezza e riscaldamento autonomo.

DA

€ 75.00 a notte


Room features


CAMERA SILIA

Matrimoniale Superior

La romantica camera di Silia è una Matrimoniale Superior arredata in stile retro’. Composta da letto matrimoniale con vista sul giardino privato della casa. Dotata di bagno privato con box doccia, phon e riscaldamento autonomo. Connessione internet Wi-Fi gratuita e boiler per la preparazione di tisane e bevande calde.

DA

€ 82.00 a notte


Room features


CAMERA ADELE

Per tre persone

Adele è una camera per tre persone adatta per ospitare una famiglia. Composta da letto matrimoniale più un terzo letto. La stanza è dotata di bagno privato con box doccia, phon e riscaldamento autonomo e vista sul parco privato della casa. Connessione internet Wi-Fi gratuita. Nella camera di Adele abbiamo trovato affreschi sotto l’intonaco e in alcuni punti li abbiamo lasciati a vista.

DA

€ 87.00 a notte


Room features


CAMERA EDA

Per quattro persone

Eda è una camera molto luminosa per quattro persone adatta per ospitare una famiglia. Composta da letto matrimoniale e due letti a castello. La stanza è dotata di bagno privato con box doccia, phon, riscaldamento autonomo e terrazzo con vista sul giardino privato della casa. Connessione internet Wi-Fi gratuita.

DA

€ 105.00 a notte



  • Una recensione di booking del b&b la casa dei carrai

Storie e meraviglie della Maremma

Le città del tufo di Pitigliano, Sorano e Sovana. Le Terme di Saturnia e le cascate
del mulino. I borghi medioevali di Montemerano, Capalbio, Manciano, Scansano e Magliano in Toscana.

La festa della Torciata a Pitigliano e la ricetta per le frittelle di San Giuseppe – Dal 17 al 20 marzo a Pitigliano, uno dei borghi più belli d’Italia nella Maremma Toscana, torna la festa della Torciata di San Giuseppe, una feste sentita ed attesa dalla popolazione. I Torciatori sono una quarantina di uomini incappucciati da un saio che, con le fascine accese sulle spalle partono a valle, dalla Via Cava Etrusca del Gradone camminano uno dietro l’altro, risalendo lo scoglio tufaceo sul quale di erge il paese di Pitigliano.

La gente in paese li aspetta, li guarda avvicinarsi affacciandosi. Sono 40 puntini di luce tremula che si muovono lentamente dal buio della vallata. Quando finalmente i Torciatori arrivano, la folla è in vero fermento. Entrano cautamente nel borgo con le loro fascine accese, poi nella piazza gremita danno fuoco al pupazzo di canne; l’Invernaccio. Il pubblico che assiste al falò attende fermo fino a che l’ultimo piccolo legno dell’Invernaccio sia completamente arso e solo quando i Torciatori corrono intorno al fuoco mano nella mano, dalla folla che si rianima emerge il canto “Viva Viva San Giuseppe”.

La sagoma di legno dell’Invernaccio ormai è bruciata ed è quasi spettrale ora mentre i colori delle ultime fiammelle contrastano il blu denso del cielo. Ormai è notte e ora la cenere depositata si alza trasportata da un vento leggero di marzo per poi scendere sulle teste, sulle ciglia, su gli abiti di tutta la persone che sono lì, come attonite a guardare…

E’ la magia dell’equinozio di primavera che si ripete, è la sacralità del rito che ritorna ed avvicina gli spettatori, penso mentre avverto che l’odore acre del legno bruciato nell’aria è diverso, sento che si trasforma e diventa quasi zuccheroso, confondendosi con quello dei dolci che, lungo le strade del borgo intanto si offrono ai passanti.

Sono i dolci tipici della festa:
“Le Frittelle di Riso chiamate anche le Frittelle di San Giuseppe”
Volete provare anche voi a cucinarle?

Ecco gli ingredienti
riso bianco 300gr.- farina 50 60 gr. – zucchero 5gr.- uova 2 – scorza di limone o d’arancia – burro 50gr –
uvetta 2 manciate – sale 1 pizzico – olio per friggere – bicarbonato di sodio 1/2 cucchiaino

Si scioglie lo zucchero nel latte, si aggiunge il burro e il pizzico di sale e si porta a bollore, quindi si butta il riso e si lascia cuocere lentamente fin quando non abbia assorbito tutto il liquido. Quasi a termine cottura si aggiungono le bucce grattugiate dell’arancia o del limone e si lascia raffreddare bene. Si incorporano i tuorli d’uovo e la farina quanto basta per rendere l’impasto abbastanza compatto per la frittura. A piacere si aggiunge l’uvetta rinvenuta in acqua, scolata lasciata insaporire nel rhum. Si incorpora bene un mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio. In ultimo si aggiungono le chiare montate a neve. Si friggono a cucchiaiate nell’olio abbondante e caldissimo, mai troppe per volta, lasciandole ben dorare, ma non scurire, da entrambi i lati. Si scolano su carta assorbente e si cospargono di zucchero a velo o con il normale zucchero semolato… e si mangiano ben calde.

Dal Blog Maremmalfemminile di Cinzia Tagliaferri

Design by Stefano Pezzotti - E-Mail: pezzotti.stefano@yahoo.it